<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=151944551825778&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
SEO, Digital Strategy

Come fa Google a generare i [title] di un sito web?

Come fa Google a generare i [title] di un sito web?

Quando si fa una ricerca su Google, uno dei fattori principali che l’utente considera per determinare il risultato più pertinente è il titolo della pagina, cioè il titolo blu, cliccabile, che compare nelle pagine di ricerca.

Questo vuol dire che il titolo o title riportato da Google nelle pagine di ricerca è fondamentale per determinare le probabilità che un utente apra o meno una pagina web. Per questo motivo, assicurarsi che il titolo della propria pagina web rifletta i propri contenuti è fondamentale.

Nella maggior parte dei casi Google utilizza il contenuto del tag HTML ‘<title>’, ovvero il testo che compare nella barra del titolo del browser, per renderlo visibile come titolo nello snippet di ricerca. 

Il <title>, che è contenuto nel codice HTML, dovrebbe essere un riassunto breve, onesto e descrittivo del contenuto della pagina per essere riconosciuto da Google come un titolo corretto.

Titolo della pagina

Questa è la modalità principale con cui Google da sempre crea i titoli. Tuttavia, in molti avevano già notato che il titolo a volte risultava modificato da Google. Questo avveniva quando alcuni criteri non erano soddisfatti.

Ma nelle ultime settimane le cose sono cambiate

Cosa è cambiato con l’aggiornamento di agosto 2021?

Come abbiamo detto, Google si era già da tempo "riservata il diritto" di cambiare il titolo, che in molti casi diventava quindi diverso dal tag <title>.

In precedenza, la modifica del titolo dipendeva dalla ricerca effettuata dall'utente. Il titolo veniva infatti adattato alle parole chiave incluse nella query. Oggi invece Google si basa su criteri propri per creare titoli che siano uniformi e stabili nel tempo.

Con questo cambiamento, Google mira a garantire che una pagina web abbia sempre lo stesso titolo nel risultato della ricerca.

Nonostante gli ultimi aggiornamenti, è comunque importante continuare a ottimizzare il tag <title>, poiché Google continuerà a utilizzarlo come regola generale per creare i titoli (più dell'80% delle volte, secondo Google). 

Tuttavia, non bisogna stupirsi se si trova un titolo diverso nelle pagine di ricerca.

Quali criteri prende in considerazione Google per modificare un titolo? 

Nel suo comunicato ufficiale, Google è stata molto chiara sui criteri che prende in considerazione nel caso in cui scelga un titolo diverso:

  1. Il titolo è troppo lungo: è consigliato utilizzare titoli concisi, evitando descrizioni vaghe
  2. Il titolo ha troppe parole chiave: questo può far credere a Google o all’utente che i risultati contengano spam
  3. Non c'è un tag ‘title’ o il tag ‘title’ è vuoto 
  4. Il titolo è ripetitivo 

Google spiega che l'aggiornamento mira a produrre titoli più leggibili e accessibili per le pagine di ricerca. 

Da dove prenderà Google il titolo modificato? 

Google non si baserà più sulla ricerca dell'utente, poiché mira a trovare un titolo stabile che descriva più accuratamente il contenuto della pagina (indipendentemente dalla query, ovvero la domanda dell’utente nel motore di ricerca).

Quello che Google farà d'ora in poi è cercare il titolo principale, visivamente più grande, della pagina web, che si presume sia un riassunto del contenuto della pagina stessa. Questo di solito coincide con l'headline ‘H1’, ovvero la prima frase che gli utenti vedono nella pagina web. Inutile dire che bisogna stare molto attenti alla sua ottimizzazione.

Questo titolo non deve essere per forza essere segnato come un'intestazione (Heading 1 o H1) nella pagina. Basta infatti che abbia uno stile che lo differenzia per dimensioni e lo renda prominente rispetto al resto del testo. 

Cosa faccio con i “title” del mio sito web? 

È importante continuare a ottimizzare i titoli di un sito web, perché sono ancora un criterio molto importante per il posizionamento di un sito nei motori di ricerca. È bene controllare quindi che tutte le pagine di un sito abbiano un titolo attivo e completi dei criteri descritti sopra.

Anzi, oggi diventa ancora più importante ottimizzare i titoli ed in particolar modo l'H1. Consigliamo di verificare che sia i ‘<title> che l'H1 riassumano accuratamente il contenuto della pagina, senza trascurare il lavoro sulle parole chiave. Questo darà la garanzia di produrre un titolo pertinente e ottimizzato.

 

consulenza