<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=151944551825778&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Web Marketing, ecommerce

Conversion Rate Optimization: più conversioni ottimizzando il tuo sito

Conversion Rate Optimization: più conversioni ottimizzando il tuo sito

Hai un ecommerce che viene quotidianamente visitato da diversi utenti. Ma c'è un ma. La percentuale di chi acquista è inferiore a quella che avevi preventivato. Come mai? I motivi possono essere diversi, ma sicuramente molte società che si rivolgono a noi per questo motivo hanno commesso un errore di fondo: ovvero hanno un sito che attira sì visitatori, ma non sono state compiute le azioni necessarie per trasformare questi visitatori in clienti. Ed ecco perché oggi trattiamo l'argomento della CRO, che sta per Conversion Rate Optimization, ovvero l'ottimizzazione del tasso di conversione.

Cos'è una conversione? È un’azione che desideriamo che l’utente compia all'interno del nostro sito. Può essere di due tipi, micro conversione o macro conversione. Le micro conversioni sono ad esempio la creazione di un account, l'iscrizione alla newsletter, l'aggiunta di un prodotto nel carrello. Azioni come l'abbonamento ad un servizio, la richiesta di un preventivo o l'acquisto di un prodotto sono invece macro conversioni.

E il tasso di conversione? È il rapporto tra numero di utenti che visitano un sito e tra quanti di essi compiono una conversione, secondo la formula numero di conversioni / numero di visite (uniche) x 100. Quindi, se per esempio hai 1.000 visitatori unici e 20 di essi effettuano un acquisto, il tasso di conversione sarà del 2%.

Ed ecco che entra in gioco la CRO, ovvero l'insieme delle strategie di marketing che ti permettono di incrementare la percentuale di utenti che visitano il tuo ecommerce e che compiono l'azione desiderata, ovvero la conversione. Non si tratta quindi di un semplice A/B test. Sono necessari competenze e strumenti specifici che rendano anche misurabili gli interventi di ottimizzazione. 

Ma come si fa? Innanzitutto si parte dall'analisi del sito e di come gli utenti lo utilizzano:

  • in che pagine atterrano,
  • che azioni compiono,
  • quanto tempo dura una sessione,
  • che dispositivo utilizzano,
  • quali sono i loro dati demografici,
  • quali sono i punti nei quali abbandonano il sito.

In poche parole, si cerca di capire che cosa ostacola la conversione. Per effettuare questa valutazione, si utilizzano strumenti quali Google Analytics, che permette di prendere in considerazione molti dati sulle preferenze di navigazione degli utenti, ma anche tool che consentono di visionare tutte le azioni intraprese all'interno del sito (come ad esempio Heap, HotJar o Lucky Orange, che registrano le sessioni sul sito e ti danno una chiara idea di quello che accade). Successivamente, sarà possibile stabilire su quali aspetti concentrarsi per l'ottimizzazione del sito ecommerce.

Il passo successivo della Conversion Rate Optimization è andare ad eliminare gli elementi che creano confusione o distrazione, ossia le barriere alla conversione individuate durante l'analisi. Le criticità possono essere di design o di usabilità.

Per ottenere più conversioni è necessario offrire ai visitatori contenuti rilevanti e di valore, trasmettere fiducia, eliminare gli elementi di distrazione, mettere in evidenza la call-to-action (l'invito all'azione). In poche parole, rendere il processo verso la conversione il più semplice e fluido possibile.

Si prenderanno in considerazione aspetti quali:

  • organizzazione delle pagine,
  • qualità delle immagini,
  • corretta e completa compilazione delle schede prodotto,
  • semplificazione del processo di checkout,
  • aggiunta di un servizio di live chat per la risoluzione dei problemi,
  • esposizione dei trust signals, ovvero quei simboli in grado di trasmettere fiducia ai tuoi potenziali clienti, come ad esempio l'immagine di PayPal,
  • possibilità per le persone di effettuare l'acquisto come ospiti senza fare il login.

Un aspetto fondamentale è condurre test periodici per individuare cosa funziona meglio. Uno dei più comuni è il cosiddetto test A/B che si utilizza solitamente per mettere a confronto la riuscita di due pagine di atterraggio diverse.

Se fatta bene, la CRO può davvero indurre un numero maggiore di utenti a compiere una determinata azione all'interno del tuo sito ecommerce. Se hai bisogno di un aiuto professionale per effettuare un’analisi approfondita del tuo ecommerce e capire quali sono gli ostacoli alla conversione o se vorresti ottimizzare il tuo sito per ottenere più risultati, contattaci subito senza impegno per una consulenza. Potremo analizzare il tuo caso e mostrarti le potenzialità di crescita per il tuo ecommerce.

E-commerce