<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=151944551825778&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Web Marketing

Ogni crisi apre un'opportunità! Le mie personali Riflessioni

Ogni crisi apre un'opportunità! Le mie personali Riflessioni

Volenti o nolenti, pare proprio che il Covid-19 abbia contribuito a dare un’accelerata verso la trasformazione digitale ed una nuova visione digitale, innovativa ed omnicanale.
A questo punto non c’è più spazio per il classico “a questo penseremo più avanti”. Bisogna sfruttare al massimo e nel minor tempo possibile tutte le nuove opportunità, che si sono presentate verso la digitalizzazione e l’adozione di nuovi strumenti di vendita. Pensiamo, ad esempio, che persino lo Stato ha cavalcato l’onda di questa trasformazione forzata, creando nuovi sistemi digitali, come ad esempio l’app IO, per promuovere gli acquisti locali, ed il principale strumento di comunicazione del governo è stato Facebook. Un altro aspetto importante che è emerso in questo anno passato è senz'altro il nuovo approccio nella gestione delle risorse umane. Alcune realtà hanno dovuto cambiare radicalmente orari e modalità di somministrazione, affrontando una riorganizzazione complessa degli organigrammi aziendali. In certi casi il personale ha affrontato picchi di lavoro con ritmi estenuanti, dovendo far fronte al rischio di un burn out e alla complessità di tenere sempre alta la motivazione e l’attenzione.

L’introduzione dell’home working e dello smart working sono state due piccole rivoluzioni, anche a livello linguistico. In inglese per definire il lavoro da casa (telelavoro) si usano le espressioni remote working o working from home. Smart working, invece, si riferisce al lavoro subordinato ma flessibile per quanto riguarda luoghi e tempistiche. In ogni caso, sono in molti a considerare, ove possibile, di adottare queste modalità, magari parzialmente, anche in futuro, specialmente nei casi in cui il lavoratore necessiti di maggiore flessibilità.

Anche la gestione dei clienti è radicalmente mutata, tra fiere virtuali, videocall, presentazioni online e webinar. Ma non solo! Non è cambiato solamente il mezzo di connessione e comunicazione. Una volta di più ci siamo resi conto di quanto sia fondamentale mantenere un rapporto con la clientela, che sia basato su ascolto, fiducia e rispetto. Più siamo capaci di relazionarci in modo positivo, costruttivo e trasparente con le persone che hanno riposto in noi la loro fiducia, e più si instaurerà un rapporto in grado di farci crescere.

E come non citare l’e-commerce? Quest’anno abbiamo infatti assistito ad un’impennata, mai vista prima, per quanto riguarda gli acquisti online di ogni tipologia, con un cambio epocale specialmente in alcuni settori, come quello del food: preso d’assalto da una fetta di consumatori che mai prima d'ora si erano avvicinati a servizi, quali la spesa online o il delivery.

Insomma, la trasformazione digitale è ampiamente in atto anche nel nostro paese. Come affrontarla al meglio? E come sfruttare i digital trend del 2021 per far sì che il tuo business possa trarne beneficio?

Ecco alcuni spunti per te!

Gestire lo staff in modo Efficiente e Sostenibile

Una ricerca di Deloitte, importante azienda di servizi di consulenza e di revisione, ha evidenziato come molti datori di lavoro "prendano sottogamba" la questione del ritorno in ufficio degli impiegati. Il fatto che possano farlo non significa che lo vogliano. Molti impiegati, infatti, hanno timore della sicurezza, propria o dei familiari. Adottare, pertanto, un protocollo preciso per le misure di sicurezza e farle rispettare è un dovere, come anche in molti casi fornire i mezzi di protezione.

D’altra parte il cosiddetto smart working è una tendenza, che probabilmente crescerà e sarà necessario imparare a gestire al meglio. "Lasciare aperta" la possibilità, per chi lo desidera, di proseguire con il telelavoro per un periodo è un’opzione da considerare. Oltretutto è una scelta che coniuga l'esigenza di alcuni dipendenti, di usufruire della flessibilità del lavoro da casa, con un risparmio economico da parte dell'azienda. In molti casi è praticabile una via di mezzo, con giornate da casa ed altre in ufficio, in modo da coniugare i benefici di entrambe le modalità.

Investire in Analisi dei Dati

Al giorno d’oggi per chi vuole essere competitivo è necessario basarsi sui dati. È fondamentale avere le idee chiare sui dati della propria attività: come ad esempio demografiche della clientela, indicatori delle performance, status delle piattaforme utilizzate. Esistono diverse soluzioni per la raccolta, la gestione e l’analisi dei dati, che possono non solo rilevare informazioni importanti sui clienti e sull’andamento del mercato, ma anche rilevare criticità da risolvere oppure opportunità da cogliere.

Ad esempio, monitorando le conversazioni sui social network, alcune aziende sono riuscite a rilevare esigenze e preferenze dei clienti, utilissime per ideare nuovi prodotti basati su bisogni reali e specifici, destinati quindi ad avere immediatamente un ottimo riscontro nel mercato.

Avere una mentalità da Start-up

Nell’ultimo periodo moltissime "cose" hanno subito un cambiamento considerevole, a partire dalle esigenze delle persone. Ogni azienda deve sforzarsi per soddisfarle. Questo spesso implica apportare dei cambiamenti che possono sembrare ostici.

Spesso la stabilità porta ad una certa rigidità dei processi, che diventano fissi e stabiliti. Ecco perché si deve iniziare a modificare il modus operandi in modo da rendere le attività più agili. E in questo senso la pandemia è stata una grande “scuola”: tutti abbiamo dovuto prendere decisioni e apportare modifiche in tempi rapidi, forzatamente, senza eccezioni. Riuscire a testare nuovi prodotti, restare curiosi, disposti ad apportare modifiche e prendere decisioni in modo rapido sono tutte caratteristiche tipiche delle start-up, che dovremmo fare nostre anche in futuro, naturalmente sempre con un occhio agli obiettivi aziendali ed alle possibilità finanziarie.

Espandere il proprio Business fuori dal suo Core

Molte aziende si sono dovute reinventare a causa della pandemia. Ad esempio, alcuni hotel hanno sopperito alla mancanza di turisti, proponendo le proprie stanze come postazioni di lavoro temporaneo a quei lavoratori che ne hanno bisogno, per esempio per mancanza di spazio in casa o perché desiderano evitare le distrazioni.
Ma c'è anche semplicemente il caso di aziende che stanno approntando alternative digitali ai propri servizi fisici (come l'e-learning). O ancora chi ha deciso di adoperare strumenti di intelligenza artificiale per compiere attività ripetitive più rapidamente e stare al passo con una domanda crescente.
Insomma, il focus è cercare di dare vita ad attività complementari al proprio core business per soddisfare le mutate esigenze dei clienti e per superare alcuni ostacoli imposti dal periodo che stiamo attraversando.

"Ogni crisi nasconde un'opportunità, ad ogni evoluzione deve corrispondere una visione."

 

Dobbiamo cercare di vivere questa fase come una breccia verso nuove possibilità da testare, cercando di aprirci alle nuove tendenze digitali e omnicanale. In questo, è sempre essenziale analizzare i dati per comprendere quali sono le tendenze da seguire, restare in ascolto dei propri clienti per trarre spunti importanti e promuovere nuove partnership per cogliere al massimo tutte le opportunità, che la digitalizzazione ci offre, per dare nuovo slancio alle nostre attività, durante e dopo la crisi.

 

consulenza