<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=151944551825778&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

La reinvenzione del settore turistico internazionale e spunti per l’Italia

La reinvenzione del settore turistico internazionale e spunti per l’Italia

In piena alta stagione, uno dei momenti chiave dell'anno e più che mai determinante per la ripresa del settore turistico post pandemia, scopriamo quali azioni e iniziative sono state attivate da alcune delle principali aziende turistiche internazionali.

Azioni che potrebbero definire la conversazione che avremo alla fine dell'estate, anche nel nostro mercato. Questi trend possono infatti offrire spunti di ispirazione anche per le imprese italiane che operano nel settore.

Ovunque nel mondo, la ‘pausa obbligatoria’ è diventata un'opportunità per iniziare a mettere in discussione aspetti dell'azienda e del marchio, che prima non venivano presi in considerazione. È stato anche un momento per prestare attenzione ai cambiamenti in atto nel mondo, soprattutto in relazione ai trend di consumo nel settore. Molti marchi internazionali, soprattutto negli Stati Uniti, l'hanno fatto e oggi guidano una vera e propria trasformazione.

La risposta del settore turistico statunitense alla pandemia

Secondo lo studio più recente di HSMAI (Hospitality Sales and Marketing Association International), il 47% delle attività del settore turistico negli Stati Uniti si è concentrato sulla riorganizzazione e sul miglioramento della gestione delle strutture, seguito dal 24% impegnato sull'intraprendere progetti di consulenza aziendale, dal 18% sullo sviluppo del marchio e dal 12% in altri tipi di attività.

Puntare sull'ottimizzazione dell'offerta, in vista di una prossima riattivazione, è stata la decisione più frequente nella maggior parte degli hotel, senza tralasciare il 24% e il 18% delle aziende del settore turistico dedicate rispettivamente al miglioramento e adattamento del modello di business alla nuova situazione e allo sviluppo stesso del marchio.

Indipendentemente dalle perdite, per molte aziende del settore è stata una “pausa attiva”.

Il report, oltre alle indagini in relazione all'azione nell'ultimo anno, riporta anche “ciò che è emerso” dalle interviste sviluppate con profili vice presidenti e direttori (29%), rappresentanti di marca (20%) e consulenti specializzati (25%). 

Ecco i principali fattori di successo emersi, necessari per affrontare al meglio il recente contesto:

  • Prosumer: creazione di valore, personalizzazione e cobranding
  • Integrazione: strategia, sistemi, tecnologie, funzioni e fornitura di servizi
  • Impegno nella leadership dell'innovazione: gestione del cambiamento, allontanandosi da un approccio "one size fits all”
  • Nuove competenze: pensare oltre l'operativo, introdurre una nuova generazione di KPI e metriche

Alla ripresa dell'attività "post lockdown", forse non tutti avevano le risorse e gli strumenti per affrontare il brusco rallentamento. Il momento cruciale per alcune aziende era diventare più forti e rinnovare la strategia di riposizionamento che avevano rimandato per molto tempo. Fondamentale è stato il saper guardare le opportunità che stavano emergendo e adattare la propria offerta alle nuove tendenze, riaffermando così validità e rilevanza per il consumatore.

I casi di Airbnb e CitizenM Hotels

Vediamo ora due casi di aziende diverse del settore turistico, che illustrano quale sia stata la risposta dell'industria oltreoceano.

C'è il caso della piattaforma Airbnb, ampiamente riconosciuta per le sue prestazioni impeccabili all'inizio della pandemia, tramite soluzioni e rimborsi ai suoi utenti. L'azienda continua ad adattare la sua offerta di fronte al futuro incerto

In primo luogo cambiando il modello di business dalle prenotazioni a breve termine agli affitti a lungo termine, e in secondo luogo adattando le esperienze al mondo online, lavorando con il modello del digital locker, creando esperienze intorno alle tendenze.

La catena di hotel di lusso CitizenM Hotels, considerando il crescente valore della privacy e del minor contatto fisico, ha sviluppato un'app collegata alla rete interna degli hotel. Questa applicazione offre all'ospite l'accesso a tutti i servizi dell'hotel con un solo clic, con disponibilità aggiornata in tempo reale. In questo senza dubbio si costruisce fiducia e tranquillità nel cliente.

Due le priorità delle società del settore turistico di oggi: il wifi e l’ambiente

La pandemia sta cambiando la società in modo strutturale, alterando l'ordine delle priorità, digitalizzando milioni di persone in tempo record e rendendo internet un bene vitale

Turismo green

Abbiamo anche visto come la natura si è rigenerata in nostra assenza e siamo diventati più consapevoli del nostro impatto sull'ambiente. La gente cerca un consumo più responsabile, chiedendo che i marchi optino per modi di operare più sostenibili.

Data questa intuizione, ci sono aziende pioniere che da anni stanno implementando azioni mirate a un mercato ora sempre meno di nicchia, quello del "viaggiatore cosciente”.

Grazie alla piattaforma "Wave of change", l’azienda spagnola Iberostar ha “sviluppato misure verdi”, come l’ottimizzazione dell’uso delle risorse energetiche, la riduzione del consumo di acqua e la protezione ambientale, che non solo diminuiscono gradualmente l'impronta ecologica delle sue operazioni, ma che rappresentano un significativo ritorno sugli investimenti.

L'economia circolare sta guidando la tendenza verso un'industria turistica più ecologica, una tendenza che comprende altre iniziative come il turismo intelligente, l'efficienza energetica, la costruzione sostenibile e la trasformazione della destinazione.

Queste tendenze a livello globale, sebbene riflettano le esigenze dei propri mercati, forniscono spunti interessanti per qualsiasi azienda operi nel settore turistico a livello globale e locale.

Come abbiamo visto, l’analisi delle tendenze e la pausa forzata hanno portato le varie aziende del settore turistico ed alberghiero a un focus sull’ottimizzazione dei propri servizi e al riposizionamento del brand. 

Inoltre, anche trend globali quali la crescente digitalizzazione e l’interesse per la sostenibilità dell’utente hanno ispirato numerosi brand del settore turistico internazionale all’introduzione di misure per rinnovare la propria offerta creando valore aggiunto.

 

digital transformation