<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=151944551825778&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Web Marketing, content marketing

Storytelling: come e perché utilizzarlo per il tuo brand

Storytelling: come e perché utilizzarlo per il tuo brand

Lo Storytelling è l’arte di raccontare storie. Nel marketing il racconto non è fine a se stesso, bensì è studiato per comunicare il brand e i suoi prodotti, catturando l’attenzione dei clienti e dei potenziali clienti sui canali dove sono presenti.
Ancora più coinvolgente ed imprescindibile nell'era dei social media, è il visual storytelling, che si avvale di foto e video per rendere il racconto ancora più accattivante. In ogni caso, parole e immagini devono concorrere per trasmettere il messaggio desiderato.

Una storia, per essere efficace, deve essere credibile, semplice da capire, utile, emozionante, coinvolgente e deve indurre le persone a volerla condividere con altri. Le storie affascinano tutti e si usano sin dall'antichità come modalità semplice e alla portata di tutti, per trasmettere accadimenti importanti o insegnamenti morali. Sono così avvincenti che ci tengono incollati a libri o TV per sapere come andrà a finire.

Ogni azienda ha la possibilità di sfruttare questo mezzo potentissimo per raccontarsi, comunicare i propri valori e conquistare nuovi clienti. Attraverso le tecniche dello storytelling è possibile interagire con i clienti in tutte le diverse fasi del buyer journey, in modo da raggiungere gli obiettivi di marketing.

Per fare Storytelling serve una precisa Strategia

Lo storytelling infatti risponde ad una precisa strategia, che deve essere studiata sull'azienda stessa per posizionarla correttamente sul mercato e raccontarla in maniera coerente ai potenziali clienti.
Nel farlo, dobbiamo tenere ben presenti i bisogni dei nostri potenziali clienti e come possiamo soddisfarli. Questo è un aspetto fondamentale che dobbiamo veicolare con i nostri messaggi.

Chi guarda o legge deve identificarsi con la nostra storia e capire che quel brand fa proprio per lui o lei. Per farlo, è necessario conoscere molto bene il pubblico cui ci rivolgiamo.

Dobbiamo quindi innanzitutto studiare i diversi segmenti di pubblico in target e creare dei contenuti visivi che catturano l’attenzione, corredati da messaggi coinvolgenti, pensati specificamente per quella tipologia di utenti. Solo così riusciremo a comunicare i nostri punti di forza, distinguendoci dalla miriade di messaggi presenti online e offline e raggiungendo i nostri obiettivi di marketing. Uno degli obiettivi più importanti è riuscire a creare storie, che gli utenti desiderino condividere sui propri canali.

Fare Storytelling è "seguire il Buyer Journey"

Per ogni fase del Buyer Journey ci saranno contenuti e storie differenti, che ci permetteranno di creare relazioni significative con chi ci segue. Di seguito le differenti fasi del Buyer Journey:

  1. AWARE (Consapevolezza) - in questa fase è possibile intercettare il potenziale cliente quando non ha ancora le idee chiare, ma sta iniziando a considerare l’acquisto
  2. APPEAL (Attrattiva) - l’utente è curioso, ricorda i diversi messaggi pubblicitari e può sviluppare una preferenza
  3. ASK (Richiesta) - il potenziale cliente ricerca maggiori informazioni online su diversi canali
  4. ACT (Azione) - la persona si convince ed effettua l’acquisto
  5. ADVOCATE (Sostegno) - in questa fase è possibile fidelizzare il cliente trasformandolo in un sostenitore del nostro brand

In ognuna di queste fasi, il miglior consiglio è cercare di essere originali e di differenziarsi per le proprie caratteristiche uniche e per i vantaggi che possiamo apportare con i nostri prodotti.

Quali sono i principi base per lo Storytelling aziendale?

  1. Bisogna scegliere un protagonista con cui sia facile per le persone identificarsi. La storia verterà attorno a questo personaggio, che sarà facile da ricordare.
  2. Cercare di catturare l'attenzione sin dall'inizio della storia, mettendo subito in evidenza gli aspetti migliori e più accattivanti.
  3. Inserire un elemento conflittuale nella storia, qualcosa contro cui il nostro protagonista dovrà combattere per raggiungere i suoi obiettivi. L'elemento conflittuale è sempre una "buona idea" per far immedesimare ancora di più le persone.
  4. Un'ottima idea è anche quella di usare l'ironia o di mostrare il backstage del vostro lavoro.
  5. E' fondamentale rimanere sempre fedeli ai propri valori.

Esempi di Storytelling (con)vincente sui social ai tempi del Coronavirus

● Netflix

I post di Netflix diventano spesso virali grazie ad anticipazioni sulle nuove uscite, clip studiate ad arte, didascalie brillanti. Su Twitter è arrivato a quasi 9 milioni di follower.
L'obiettivo del network è quello di ottenere nuovi iscritti. Per farlo trasmette sui social piccole clip che catturano immediatamente l'interesse e spingono gli utenti a volerne sapere di più.
Netflix usa inoltre una strategia interessante, sfruttando più account che dialogano tra loro e amplificano i risultati. Altre tecniche efficaci che adopera sono l'uso di meme divertenti e di contenuti generati dagli utenti, il tutto per aumentare il coinvolgimento e le condivisioni.

● Nike

Nike utilizza il brand storytelling da diverso tempo. Lo fa per spingere il proprio pubblico a sognare, a credere che tutto sia possibile.
Proprio di recente, a fine luglio 2020, ha lanciato una campagna che ha fatto il giro del mondo in poche ore! Attraverso il montaggio di tante clip diverse, suddividendo lo schermo a metà, il brand ha voluto lanciare un messaggio positivo sul potere di aggregazione dello sport e sulla resilienza delle persone anche in tempi difficili come quelli dovuti all'emergenza Coronavirus.
Nel video si vedono persone comuni accostate a grandi campioni come Cristiano Ronaldo o la tennista Serena Williams. Questo caso dimostra come sposare una giusta causa o utilizzare un messaggio di positività e ispirazione può aiutare un brand a crescere.

Enel Energia

Un altro esempio è Enel, che sta utilizzando lo storytelling da qualche anno con successo, coinvolgendo gli spettatori con messaggi ed immagini che sanno emozionare.
Di recente hanno diffuso uno spot che pubblicizza una promozione gratuita per tre mesi. Il messaggio che il video vuole trasmettere è che, a fine lockdown, dobbiamo cogliere il momento per fare tutto ciò che vogliamo e possiamo: progettare, cambiare, informare, insegnare, costruire, condividere... e naturalmente scegliere le soluzioni sostenibili del brand.

 

In breve, lo Storytelling aziendale permette di

  • Aggiungere l’elemento umano ai tuoi contenuti e quindi al tuo brand.
  • Farti ricordare facilmente dagli utenti.
  • Fare la differenza in mezzo a migliaia di messaggi.
  • Accrescere il tasso di conversione dei tuoi messaggi pubblicitari.
  • Sviluppare una relazione di fiducia con i clienti.
  • Costruire una vera e propria community attiva.
  • Stimolare il passaparola tra clienti, che rimane sempre una delle modalità più efficaci per guadagnare popolarità.

consulenza