Victor Vassallo
di Victor Vassallo

12 trend del digital marketing da non trascurare nel 2019

Journal: il blog di Omniaweb

Quali saranno i trend del digital marketing per il 2019? Può sembrare un ossimoro, ma la costante del mondo del marketing è il cambiamento. Ci sono continui cambi di prospettiva, introduzioni di nuove tecnologie e metodologie, tecniche nuove, software in grado di cambiare le nostre abitudini. Questo è senz’altro stimolante ma ci costringe a tenerci sempre aggiornati per restare al passo coi tempi e con la concorrenza.

Molte novità che ci sembravano fantascienza fino a qualche anno fa fanno ormai parte della nostra vita quotidiana, e altri trend stanno già iniziando a farsi largo, prontamente adottati dai brand più all’avanguardia. Vediamo assieme quali sono i trend in ambito digital marketing per l’anno che sta per arrivare.

12 trend del digital marketing per il 2019

L’intelligenza artificiale (AI)

L’intelligenza artificiale è senz’altro destinata a farla da padrona. Gli ambiti di applicazione sono molteplici. Ad esempio, grazie all’AI si possono utilizzare ed analizzare i dati presi da social media e siti web per capire meglio il comportamento degli utenti. Si stima che le aziende che adotteranno l’AI nel corso del 2019 saranno in grado di risparmiare sui costi di gestione e accelerare la crescita, guadagnano terreno rispetto ai competitor.

Chatbots

I chatbots hanno già fatto il loro ingresso nel digital marketing e vengono usati attualmente da vari brand, specialmente su Facebook Messenger, per rispondere in maniera istantanea via chat ai propri clienti. I chatbot possono essere integrati in un sito web, in un’applicazione e anche in una piattaforma di social media. Sicuramente continueranno ad essere importanti anche nel 2019. Nel mondo già 1 miliardo e mezzo di persone interagisce con i chatbot quotidianamente. Ragion per cui, l’80% delle compagnie più scafate li stanno già usando o prevedono di adoperarli entro l’anno.  Secondo una ricerca Gartner, entro il 2020 il 25% del customer service userà la tecnologia chatbot, limitate attualmente al 4%.

chatbot-1024x683trend del digital marketing 2019

Pubblicità Programmatica

Cosa significa? Significa usare l’intelligenza artificiale per automatizzare gli annunci, in modo da concentrare i propri sforzi nella targettizzazione del pubblico e in altri aspetti della creazione della campagne pubblicitarie. Si tratta di un’automazione utile che permette di aumentare le conversioni, diminuendo nel contempo i costi di acquisizione dei clienti. Un cambiamento che, secondo la compagnia di ricerche eMarketer, sarà così rapido, almeno negli Stati Uniti, che entro il 2020 il 90% degli annunci display saranno programmatici.

Personalizzazione

La personalizzazione è sicuramente l’ingrediente numero uno per conquistare i tuoi clienti. Per il 2019 devi cercare di personalizzare il più possibile il tuo marketing: contenuti personalizzati, prodotti personalizzati, email personalizzate. Grazie alla disponibilità di una mole notevole di dati riguardo al comportamento degli utenti, le loro preferenze, le loro abitudini di acquisto, creare contenuti personalizzati non è mai stato così semplice. Addirittura, il pensiero degli esperti è che la personalizzazione sia attualmente più importante persino del rapporto con i clienti. Un esempio? Colossi come Amazon e Netflix stanno già utilizzando l’immenso potere della personalizzazione: ad ognuno di noi infatti l’interfaccia di entrambe le applicazioni appare personalizzata in base a gusti, acquisti o scelte passate.

pexels-photo-265685

Marketing automation & Inbound marketing

L’inbound marketing mira a farsi trovare dai potenziali clienti, guidandoli naturalmente nel processo di vendita (in opposizione al tradizionale outbound marketing, che spesso interrompeva gli utenti). Gli strumenti di cui si avvale sono:

  • contenuti di qualità,
  • search engine optimization (SEO),
  • social media marketing,
  • email marketing e
  • search engine marketing (SEM).

Grazie all’uso di un CRM (customer relationship management) è possibile utilizzare la grande mole di Big Dataraccolti al fine di creare contenuti ed offerte altamente personalizzati, in grado di arrivare al cliente nei vari touchpoint (newsletter, live chat, sito web, social media, ecc).

Per ottimizzare il processo, è necessaria la marketing automation, uno strumento che permette di nutrire e convertire i lead, indirizzando il contenuto giusto al cliente giusto nel momento giusto. Con la marketing automation si può ad esempio:

– Inviare una guida pdf ad un gruppo specifico di clienti.
– Mandare una mail di ringraziamento a chi ha scaricato la guida.
– Dopo qualche giorno (sarai tu a decidere le tempistiche), inviare loro una mail di follow-up per offrire un secondo contenuto interessante.
– Contattare direttamente chi ha scaricato anche il secondo contenuto ed è quindi più predisposto all’acquisto.

Insomma, grazie a software specifici, la marketing automation rende più rapido, efficiente e preciso il processo dell’inbound marketing, rivelandosi uno strumento non solo utile ma indispensabile, in grado di aumentare notevolmente i tassi di conversione delle tua azioni di marketing.

Video marketing

Le persone amano i video e li preferiscono ai contenuti più tradizionali. Come mai? Perché richiedono meno sforzo intellettuale, sono fruibili in maniera più rapida e diretta e mostrano sequenze di immagini, che vengono percepite dal nostro cervello come molto più piacevoli rispetto ad un testo scritto. I video vengono quindi condivisi molto più frequentemente sui social rispetto ad altri tipi di contenuti, con un incremento conseguente delle conversioni per le compagnie che li utilizzano. E non funzionano solo su YouTube, ma anche su Facebook, Instagram e LinkedIn. Considera quindi di sfruttare questo potente mezzo per interviste, demo di prodotti, dietro le quinte della tua azienda, eventi, produzione e altri aspetti del tuo business. Specie i video dal vivo, che sono ancora più efficaci.

Influencer marketing

L’influencer marketing è già una realtà consolidata all’estero, specialmente negli USA, dove youtuber, blogger e instagramer vengono coinvolti da importanti brand per eventi, test di prodotto e anche per implementare intere campagne pubblicitarie.  Si tratta sostanzialmente di un nuovo tipo di passaparola, dove però i protagonisti sono in grado di recapitare il messaggio ad un pubblico più ampio. Gli influencer possono essere utili per far conoscere il tuo brand a più persone, a patto ovviamente di scegliere le persone giuste che siano in target con il tuo prodotto. In particolare, il nuovo trend riguarda i local influencers. Creare una sinergia con un influencer locale, più vicino sia alla tua azienda che alla tua clientela, specialmente con campagne a lungo termine e promozioni esclusive, può essere una strategia vincente.

Stories e Vendita sui social media

Le stories, i brevi video della durata di 24 ore che gli utenti possono registrare su Facebook e Instagram stanno acquisendo un’importanza sempre maggiore. È doveroso quindi prenderli in considerazione all’interno delle proprie strategie di digital marketing, sia per la promozione dei propri prodotti che per creare brand awareness.

Allo stesso modo, stanno crescendo le vendite di prodotti via social network. I social sono sempre più importanti e frequentati. Se vendi prodotti, forse è il caso di farci un pensierino.

pexels-photo-607812

App di messaggistica via social

Ogni giorno migliaia di utenti sono attivi su Facebook Messenger, WhatsApp e WeChat. Sono dunque mezzi potentissimi e con numeri assolutamente interessanti, tanto da pensare seriamente di sfruttarne la popolarità. Possono infatti essere utili per inviare messaggi di marketing automatizzati agli utenti. Ad esempio, potreste usarli per ricordare ai tuoi clienti un evento o un’offerta speciale.

Mobile

Il mobile è in continua crescita ed è destinato a diventare la piattaforma numero 1 per le ricerche online in tutti i campi. Non è più sufficiente adattare il proprio sito web al mobile. Ma c’è la necessità di ripensarlo totalmente in funzione del mobile. Allo stesso modo, è fondamentale concentrarsi sulla velocizzazione della user experience.

Ricerca vocale e Ricerca visiva

La ricerca vocale è già ampiamente utilizzata dagli utenti, specialmente i più giovani, tanto da diventare la base per un ripensamento delle strategie di marketing di varie tipologie di aziende. Si stima infatti che entro il 2020 più del 50% delle ricerche sarà vocale (attualmente siamo già al 20%).

L’intelligenza artificiale sta facendo passi da gigante in tal senso e difatti sono sempre meno gli errori compiuti dagli assistenti vocali quali Siri di Apple, Alexa di Amazon e Google Assistant. Tanti brand importanti hanno quindi inserito la ricerca vocale nelle proprie strategie di marketing. E man mano che altri brand li seguiranno, anche nuove tipologie di annunci vocali potrebbero entrare in scena a breve.

La ricerca visiva sta aprendo nuovi scenari per la user experience. L’utente può infatti caricare un’immagine per avviare una ricerca. Un esempio lampante è il caso di Pinterest, che ha sviluppato un nuovo strumento di ricerca che permette agli utenti di fotografare un prodotto e cercare dove sia possibile acquistarlo online, oppure cercare tra prodotti simili o, ancora, cercare ispirazione per abbinarlo ad altri oggetti. Anche Google ha naturalmente la sua search engine visiva, che si chiama Google Lens. È in grado di riconoscere gli oggetti grazie ad un’app per la fotocamera dello smartphone. Ma cosa fa? Per esempio, puoi fotografare un monumento e ricevere subito maggiori informazioni al riguardo. Oppure fotografare un biglietto da visita per salvare direttamente il numero telefonico e l’indirizzo della persona che ve lo ha consegnato.

2018-12-14-17_13_37-Google-Lens

Realtà virtuale ed aumentata

Gli utenti oggi vogliono essere sempre più coinvolti nell’esperienza di acquisto e nel rapporto con i marchi. Questi dunque possono essere strumenti perfetti per rispondere a questo tipo di esigenze. Un caso di successo in tal senso è l’app IKEA Place, che permette di provare virtualmente i prodotti.


Insomma, gli scenari del digital marketing sono in continua crescita ed evoluzione. E è necessario sapersi adattare rapidamente al cambiamento per restare al passo. Nel 2019 i trend del digital marketing si concentreranno sul miglioramento della customer experience, grazie alla personalizzazione e all’uso di tecnologie create con l’intelligenza artificiale.

Ma non dimenticare mai, al di là delle tendenze del momento, di coltivare la tua brand awareness e concentrarti sempre su contenuti utili ed autentici.

consulenza

Condividi questo articolo:

Categorie: Web Marketing